Area Riservata

Il Treno della Befana

Epiphany steam train

6 January 2018

 

In Italian folklore, Befana  is an old woman who delivers gifts to children throughout Italy on the night of January 5 in a similar way to Santa Claus.

In popular folklore Befana visits all the children of Italy on the eve of the Feast of the Epiphany to fill their socks with candy and presents if they are good, or a lump of coal  if they are bad.

She is usually portrayed as a hag riding a broomstick through the air wearing a black shawl and is covered in soot because she enters the children's houses through the chimney. She is often smiling and carries a bag or hamper filled with candy, gifts, or both. She is also referred to as the Christmas Witch

The "Treno della Befana" is an historic steam train that runs from Florence central station (Firenze Santa Maria Novella) to San Piero a Sieve, a small town in the Mugello valley north of Florence. After the stop the train goes back to Florence.

 

 

SABATO 6 GENNAIO 2018 

partenza da stazione di Firenze Santa Maria Novella ore 9:00

 

prenotazione tramite ProLoco di San Piero a Sieve.

Per prenotazione posti cliccare qui

Le prenotazioni verranno chiuse al raggiungimento del numero massimo consentito dei posti in vettura

 

INFORMAZIONI GENERALI

Il "Treno della Befana" è un convoglio storico con trazione a vapore e vetture d'epoca direttamente organizzato da ATTS Italvapore che viene effettuato ogni anno il 6 di Gennaio in occasione della festività dell'Epifania.

Il treno percorre un'anello di circa 60 Km partendo dalla stazione di Firenze centrale (Firenze Santa Maria Novella) alla volta di San Piero a Sieve, in Mugello, transitando per Pontassieve e quindi risalendo la Valdisieve passando per Rufina, Dicomano e Vicchio.

 

 

Si chiude l'anello rientrando a Firenze SMN via Vaglia percorrendo il tratto della linea storica "Faentina" la quale supera i rilievi montuosi che delimitano la valle del Mugello dalla piana di Firenze.

Il treno è aperto al pubblico con prenotazione dei posti. Le prenotazioni vengono generalmente aperte ai primi del mese di Dicembre.

L'orario di partenza indicativo è le ore 9:00 del mattino mentre il rientro a Firenze è previsto per le ore 14:30. L'evento viene organizzato con la preziosa collaborazione dei volontari della ProLoco di San Piero a Sieve.

 

COME PRENOTARE I POSTI

Il pubblico accede al treno usufruendo di posti prenotati e numerati, non sono previsti passeggeri in piedi.

Ogni viaggiatore disporrà del proprio posto precedentemente riservato. La prenotazione dei posti avviene esclusivamente online sul sito della ProLoco di San Piero a Sieve dove sono spiegate dettagliatamente tutte le istruzioni per procedere alla prenotazione.

L'iniziativa è particolarmente indicata per i bambini. Sono previste riduzioni per famiglie, anche numerose. Le tariffe per l'accesso al treno sono volutamente molto contenute considerando anche la lunghezza del viaggio (circa 60 Km interamente a vapore in cui verranno consumate in media circa 3-4 tonnellate di carbone). I fondi raccolti, al netto del pareggio dei costi sostenuti, serviranno per finanziare la nostra Associazione nei vari progetti di recupero e rimessa in sevizio di rotabili storici attualmente non ancora atti a circolare.

INFORMAZIONI PRATICHE

 

E' fortemente raccomandato a tutti i passeggeri di arrivare in stazione con congruo anticipo rispetto all'orario di partenza. Le vetture storiche presentano un'accessibilità ed un'ergonomia ben lontana dagli standard attuali, di conseguenza al fine di evitare lungaggini nelle procedure di salita in vettura di tutti i passeggeri - con conseguente ritardo sull'orario di partenza - raccomandiamo a tutti di non arrivare all'ultimo minuto.

Le vetture saranno tutte quante dotate di riscaldamento.

Si prega vivamente di seguire le indicazioni e le raccomandazioni dei nostri volontari appositamente in servizio su treno che saranno contraddistinti da apposita pettorina e tesserino di riconoscimento.

 

 

 

 

 

 

L'Associazione A.T.T.S. collabora attivamente con Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane in conseguenza di una convenzione  stipulata per favorire la conservazione del materiale storico e diffondere la cultura ferroviaria, anche attraverso il contenimento dei costi di gestione, tramite una serie di attività collaterali a supporto del personale FS specificamente abilitato. La gestione dei lavori e l'esecuzione di ogni intervento è comunque condotta da personale FS specializzato ed abilitato che sovrintende ad ogni intervento dei volontari.

 

       

 

I soci tutti prestano il loro operato all'interno dell'Associazione in modo completamente gratuito ed a solo titolo di puro volontariato. 

Molti soci sono anche collezionisti di materiale ferroviario; alcuni sono anche valenti scrittori e noti fotografi del settore.

L’associazione ha curato numerose pubblicazioni e rassegne iconografiche che sempre hanno raccolto unanime consenso. La qualifica di socio non comporta alcun automatismo per lo svolgimento delle attività operative, rispetto alle quali la convenzione in essere prevede un gradimento preventivo da parte di Fondazione FS. 

 

La quota sociale annuale ammonta attualmente a 30,00 €

I nuovi soci sono tenuti a pagare la quota di ammissione una tantum che ammonta a 20,00 €

All'atto dell'iscrizione il nuovo socio pagherà quindi la quota complessiva di 50,00 €. 

Il pagamento della quota di ammissione + quota sociale avviene unicamente tramite bonifico bancario. Le coordinate per effettuare il bonifico sono indicate nel modulo di iscrizione scaricabile in basso.

 

Per diventare socio di. A.T.T.S. "Italvapore" è necessario scaricare e compilare questo modulo. Il modulo compilato deve essere poi inviato ad Associazione Toscana Treni Storici "Italvapore" presso questo indirizzo:

 

 

A.T.T.S. Italvapore

C/O Avv. Neri Baldi

Piazza dell'Indipendenza, 10

50129 Firenze (Fi)

 

IMPORTANTE: E' necessario allegare due fotografie formato tessera per l'emissione del tesserino di riconoscimento

 

 

 L'Associazione Toscana Treni Storici Italvapore ha la propria sede operativa presso il D.R.S. - Deposito Rotabili Storici - di Pistoia. 

 

Il DRS è un'impianto ferroviario attivo esclusivamente dedicato alla manutenzione ed al rimessaggio di rotabili storici. Dal momento che non si tratta di un museo o di un'area aperta al pubblico, l'ingresso da parte dei non addetti ai lavori é severamente vietato. E' consentito l'accesso esclusivamente in giornate di apertura straordinaria con visite guidate o in occasione del "Porte Aperte" che si svolge annualmente.

Il D.R.S. può essere sostanzialmente raggiunto in due modi:

IN TRENO

E' il mezzo più comodo dal momento che l'impianto è a poche centinaia di metri dalla Stazione di Pistoia. Una volta usciti dalla stazione, mantenersi sulla sinistra e dopo aver attraversato un'area di parcheggio pubblico limitrofo al sedime ferroviario, si arriva direttamente al cancello principale del DRS.

IN AUTO

Pistoia è una città toscana molto ben collegata alla rete autostradale nazionale. Per chi arriva tramite l'autostrada A1 da Nord (Bologna) o da Sud (Roma) l'uscita è Firenze Nord in direzione per l'A11 in direzione di Pisa. Una volta immessi nell'A11 si supera la città di Prato e si esce direttamente a Pistoia, unica uscita della cittadina. Per chi arriva da ovest dalla riviera toscana o dalla Liguria (autostrada A12) anche in questo caso l'uscita è naturalmente Pistoia.

Superato il casello autostradale, mantenersi subito a sinistra per immettersi nello svincolo. Seguire quindi i cartelli che indicano "Stazione". Una volta arrivati direttamente alla stazione e quindi nei pressi del DRS, ci sono molti parcheggi nelle immediate vicinanze. Questi parcheggi sono tutti a pagamento. Chi volesse optare per un parcheggio gratuito e non ha problemi a percorre oltre un chilometro a piedi, può parcheggiare nelle zone periferiche lungo Via del Roccone prima del sottopasso "Porta Nuova".  Oltre questo sottopasso si entra in zona centrale e si è vicinissimi al DRS, ma i parcheggi sono esclusivamente a pagamento.

 

PORTE APERTE AL DRS - PISTOIA

SABATO 7 E DOMENICA 8 APRILE 2018

apertura cancelli ore 9:30 - 18:30


COMUNICAZIONE IMPORTANTE: COMPILAZIONE DICHIARAZIONE LIBERATORIA

Dal momento che il Deposito Rotabili Storici di Pistoia non è un museo regolarmente aperto al pubblico bensì un deposito ferroviario attivo, è richiesto ad ogni visitatore la compilazione di un modulo Dichiarazione Liberatoria. I moduli saranno disponibili ai cancelli del DRS, tuttavia per evitare code e rallentamenti nell'ingresso da parte dei visitatori, si prega vivamente di scaricarlo e presentarlo già compilato ai nostri volontari nel giorno della visita.

come raggiungere il DRS     -      download modulo liberatoria

 

La manifestazione "Porte Aperte" è organizzata da A.T.T.S. Italvapore in collaborazione con Fondazione Ferrovie dello Stato ed il patrocinio di Enti pubblici locali. Il Porte Aperte ha luogo presso il D.R.S. di Pistoia, a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria dell'omonima città. Clicca qui per ottenere tutte le informazioni necessarie su come raggiungere il D.R.S.

Per questo evento, che ha cadenza annuale , viene aperta al pubblico gran parte dell'area ferroviaria che comprendeva l'ex Deposito Locomotive di Pistoia e che adesso è identificato come Deposito Rotabili Storici .

 

 

Come di consueto verranno esposti alcuni rotabili storici restaurati o conservati efficienti anche con il concorso dei volontari di Italvapore. I soci del sodalizio sono a completa disposizione del pubblico per informazioni o curiosità concernenti la storia e la tecnica dei rotabili esposti, oppure per quanto riguarda i compiti e le funzioni svolte da Italvapore per la salvaguarda di tale patrimonio.

L'accesso alla manifestazione è completamente gratuito ed aperto a tutti. Dal momento che l'evento viene organizzato entro un'area ferroviaria di proprietà di Trenitalia e non in un luogo pubblico, si invitano i gentili visitatori a non superare le aree appositamente delimitate, ad attenersi sempre alle indicazioni fornite dallo staff ed in generale ad osservare un comportamento rispettoso verso il materiale rotabile storico esposto, evitando in particolar modo di salire senza autorizzazione su locomotive o carrozze oppure entrare in aree chiuse al pubblico.